Festa delle famiglie al Parco Uditore

Domenica 7 maggio dalle 10,30 alle 18, in occasione dell’ “International Family Equality Day”, l’associazione Famiglie Arcobaleno Sicilia celebra la “Festa delle Famiglie”. L’evento è patrocinato dal Comune di Palermo ed è organizzato in collaborazione con Arcigay Palermo, Agedo Palermo e Palermo Pride.
Saranno presenti al banchetto informativo dell’Associazione anche i volontari del Servizio Civile Nazionale del progetto Inform@ffido del Comune di Palermo.

“Per noi di Famiglie Arcobaleno ogni famiglia è unica e speciale – dichiara la referente della Sicilia Daniela D’Anna – È arrivato il momento di fare un salto di qualità sociale, dobbiamo imparare ad essere tolleranti e soprattutto inclusivi per auspicare ad una comunità in armonia e senza preconcetti. Non c’è slogan che meglio ci rappresenti: è l’amore che crea la famiglia. Il 2017 grazie all’approvazione della Legge Cirinnà sulle Unioni Civili, per le Famiglie Arcobaleno (le famiglie omogenitoriali) – continua – è stato un anno di grande visibilità soprattutto mediatica, adesso vorremo che la gente possa conoscerci e riconoscerci nel nostro quotidiano. Alla politica non ci stancheremo mai di chiedere un’integrazione alla legge con il riconoscimento dei nostri figli alla nascita garantendo così la giusta continuità affettiva e soprattutto garantendo i diritti a loro negati.”
Un apporto fondamentale nella battaglia sui diritti delle famiglie omogenitoriali deriva dall’Arcigay, che nell’organizzazione della giornata di domenica ha fornito un valido supporto logistico per la riuscita dell’evento.
“Siamo feli­ci di partecipare a un’iniziativa che mette al centro tutte le famiglie, – spiega Ana Maria Vasile, presidentessa di Arcigay Palermo – senza nessuna discriminazione. Come associazione, a livello locale e nazionale, e come attivisti per i diritti umani ci uniamo a chi reclama con fo­rza leggi in grado di garantire diritti e protezione per tut­ti: non devono più esistere famiglie ed esseri umani di serie A e di serie B.”

“L’associazione Famiglie Arcobaleno in Sicilia – conclude la referente – conta una ventina di nuclei familiari di cui molti con bambini. Giocheremo, leggeremo ed animeremo fiabe. Ci saranno diversi laboratori creativi e organizzeremo un grande pic-nic insieme a tutti quelli che si vorranno unire.”18192551_946897125413221_3174919412057215338_o

Annunci

Riconosciuta l’adozione a favore della mamma non biologica in una coppia dello stesso sesso

Antonio Rotelli, Rete Lenford:

Per la prima volta un Tribunale italiano riconosce l’adozione di una minore da parte della convivente dello stesso sesso della madre biologica. L’adozione è disposta in base all’articolo 44 della legge italiana sull’adozione, il quale consente l’adozione in casi particolari ovvero quando non è possibile quella che è chiamata adozione legittimante riconsociuta solo in presenza di un rapporto di coniugio tra gli adottanti e dello stato di abbandono del minore. Nel caso dell’articolo 44, invece, la legge intende salvaguardare gli interessi dei minori in tutti quei casi, specificamente previsti, in cui la situazione di fatto richiede che l’adozione venga pronunciata.

Nel caso concreto, le due donne hanno portato avanti insieme il progetto di genitorialità, realizzato in Spagna facendo ricorso alla fecondazione medicalmente assistita. Pur essendo sposate in Spagna, per la legge italiana esse sono una mera coppia convivente che – per rafforzare le reciproche garanzie e i diritti della minore – hanno stipulato accordi economico-assistenziali e si sono iscritte nel registro delle coppie di fatto di un municipio della loro città.

La bambina riconosce entrambe come proprie mamme, è accudita anche dai nonni ed è inserita con profitto nella scuola materna.

Secondo i giudici del Tribunale per i minorenni di Roma vi sono tutti i presupposti per accogliere la domanda della co-mamma (step-chil adoption), che è sostenuta anche dalla madre biologica.

Leggi il resto nel sito di Rete Lenford

Promozione con Farmacia Rizzo per i soci di Arcigay Palermo

Arcigay Palermo ha appena chiuso un accordo con la Farmacia Rizzo Maria Celeste (piazza Mondello 53).

Tutti i soci di Arcigay Palermo (con la tessera in corso di validità) avranno il diritto, per gli acquisti presso la farmacia Rizzo, allo sconto del 20% tutto l’anno su tutti i prodotti, ad esclusione dei farmaci erogabili dal SSN e di quelli di fascia C.
Inoltre, su tutti gli articoli sanitari che riguardano la sfera del sesso e prevenzione sconto del 50% sul prezzo pubblico banca dati (es. preservativi, gel lubrificanti , gel anestetici, sex toys).

Gli associati dovranno stampare il coupon sottostante e presentarlo in farmacia accompagnato dalla tessera Arcigay.
Verrà loro consegnata una tessera numerata che si compone di una tessera madre e 3 mini tessere, da distribuire ad altri componenti della famiglia o  ad amici. La tessera darà diritto allo sconto immediato del 20% e, solo mostrando la tessera Arcigay, a quello del 50% sui prodotti “sesso”.

Ogni tessera concorrerà alla raccolta punti del titolare della tessera, punti che daranno diritto a degli sconti secondo l’informativa che potranno ricevere in farmacia.

coupon farmacia rizzo

Ringraziamo Celeste Rizzo, titolare della Farmacia Rizzo e referente delle Famiglie Arcobaleno Sicilia, per l’entusiasmo e l’immediata disponibilità alla proposta di accordo.

Dal 10 giugno parte la vendita dei biglietti della lotteria organizzata da Amnesty Sicilia, il cui ricavato va in favore di Amnesty, Arcigay Palermo, Famiglie Arcobaleno e diverse altre associazioni.
E’ un modo concreto per aiutare le associazioni, rischiando nello stesso tempo di vincere dei premi straordinari.
Contiamo su di te! 🙂
10348889_648977235197037_3564795667517517208_o

 

E’ ufficiale: il pride nazionale 2013 sarà a Palermo!

Comunicato stampa. Movimento lgbt. Pride nazionale 2013 a Palermo

Le associazioni nazionali AGEDO, Arcigay, Arcilesbica, Certi Diritti, Famiglie arcobaleno, MIT  rendono noto che, in seguito al dibattito svoltosi nell’Assemblea nazionale delle Associazioni gay, lesbiche e transessuali, riunita a  Roma in data 15 settembre 2012, è stata accolta la candidatura di Palermo quale sede del Pride nazionale 2013. Continua a leggere

Tutti uguali tutti diversi: 20 maggio a villa Trabia

Legambiente e Famiglie Arcobaleno, l’associazione dei genitori omosessuali, organizzano una grande festa aperta a tutte le famiglie nei parchi urbani d’Italia. Per imparare (giocando) a rispettare la natura e le differenze. Incontrarsi nel verde per divertirsi tra bambini e natura. Scoprire che non esiste solo la biodiversità, ma anche tante forme diverse di famiglia. Imparare giocando che siamo “Tutti uguali, tutti diversi”. Continua a leggere

Censimento 2011: fai contare il tuo amore!

Il censimento ufficiale della popolazione 2011 per la prima volta riguarderà anche le unioni tra persone dello stesso sesso.

Come sapete, da molti punti di vista per lo Stato italiano non esistiamo. Non esistono statistiche ufficiali sulle coppie omosessuali conviventi o su quelle sposate all’estero. Non esistono statistiche sulla discriminazione sui luoghi di lavoro, sul bullismo e nemmeno sui crimini omofobici (ma si sa: in Italia non c’è l’omofobia!) L’introduzione della possibilità di segnalare il proprio status di coppia omosessuale convivente è un passo importante, frutto del lavoro delle associazioni, e per la prima volta ci dà l’opportunità di “contare” qualcosa, di far emergere una realtà che in molti vorrebbero restasse nascosta.

Per questo, vi chiediamo di rispondere con sincerità: se convivete con il vs/la vs. partner, dichiaratelo! Se un numero sufficientemente ampio di coppie e di famiglie si dichiareranno, otterremo finalmente il riconoscimento, dai dati prima ancora che dalle parole, che le coppie formate da persone LGBT, siano tante o poche, sono una tipologia di famiglia come tutte le altre.

Inoltre, avremo cosí una prima fonte di informazioni sulle caratteristiche delle coppie formate da persone dello stesso sesso, anziché continuare a discutere di politiche senza conoscere la realtà.

In pratica, nel formulario è importante la distinzione tra convivenza, che sottintende un rapporto affettivo, e coabitazione.

Per informazioni sulla compilazione: gay.it

Scarica la guida

Pagina su facebook

E’ un’iniziativa voluta, sostenuta e promossa da: Arcigay, Gay.it, Certi Diritti, Rete Lenford, AGEDO, Famiglie Arcobaleno, Arcilesbica

Padre Cosimo Scordato: due persone che si amano hanno il diritto di stare insieme

“Gli omosessuali sono persone normali, non errori di natura o dei malati. Sono persone che hanno tutto il diritto di amare e di essere amati e in quanto tale di formare delle famiglie”.

Leggi il resto della notizia su LiveSicilia.it

Pedofilia: associazioni gay e lesbiche indicono per sabato 24 aprile a Roma una manifestazione contro la pedofilia

Perseguire gli abusi senza reticenze, pieno sostegno alle vittime perche’ denuncino tutti casi
In questi giorni in cui si sta tentando di nascondere la verità sugli abusi perpetrati ai danni di minori innocenti tirando in ballo assurdi parallelismi tra omosessualità e pedofilia, Arcigay, Arcilesbica, AGEDO, Famiglie Arcobaleno, MIT, Certi Diritti, Dì Gay Project, lanciano un appello ai cittadini e alle associazioni per una manifestazione contro la pedofilia e in sostegno delle vittime per sabato 24 aprile a Roma in Piazza SS Apostoli alle ore 16:30.
Distorcere la questione della pedofilia come ha fatto il Segretario di Stato Card. Tarcisio Bertone porta a scaricare su altri innocenti le gravi accuse che da tutto il mondo piovono sulle gerarchie vaticane. La questione non è identificare o meno l’orientamento sessuale del pedofilo, ma perseguire con fermezza chiunque si macchi di tali abusi, soprattutto se si hanno responsabilità educative o spirituali.
La Chiesa risponda davanti ai tribunali e all’opinione pubblica mondiale dei gravi insabbiamenti avvenuti in tutto il mondo. Per questo il nostro appello va a tutte le donne e gli uomini di qualsiasi fede religiosa o non religiosi, che non possono tacere di fronte alla violazione dell’infanzia: che tutti i casi vengano portati allo scoperto.
Per adesioni e contatti: stop.vaticanabuse@gmail.com

Paolo Patanè – Arcigay
Francesca Polo – ArciLesbica
Rita De Santis – AGEDO
Giuseppina La Delfa – Famiglie Arcobaleno
MIT – Porpora Marcasciano
Sergio Rovasio – Associazione radicale Certi Diritti
Imma Battaglia – Dì Gay Project