Coming out: la storia di Marco

Marco, 18 anni, Palermo. Il mio coming out ormai risale a tre anni fa. Era il 18 marzo 2014, ricordo quel giorno come se fosse ieri. Tante tante emozioni in un sol momento. Gli amici più stretti lo sapevano già da un po’, conoscenti e famiglia no. Devo ammettere di essere sempre stato uno a cui fregava ben poco sia degli altri che del loro parere e dei loro commenti. A settembre 2013 iniziai il liceo e da lì è sempre stato un crescendo di “libertà” e menefreghismo (nei confronti di ciò che mi circondava). Però ad un certo punto ho sentito il bisogno di rendere partecipi della mia vita (al 100%) amici, conoscenti, mamma, papà e il mio fratellino che all’epoca aveva 11 anni. Così, supportato in tutto e per tutto dalle mie migliori amiche, decisi di comunicare al mondo la mia vera natura.verde-fabrizio

Per fortuna non è cambiato nulla nella mia vita: gli amici più stretti sono rimasti sempre quelli, i commenti dietro le spalle continuavano ad esserci, ma mi andava bene così, anche perché io ero diventato ancora più forte e sicuro di quanto non lo fossi già. Momento fatidico: perché tutto il mondo si e la mia famiglia no? Cena, frittata, mi viene negato di andare a dormire da una mia amica “perché tu sei maschio, lei è una ragazza”. Non ci vedo più. Con tanta rabbia, determinazione, ma anche tanta tanta paura dentro di me, sputo la verità. Attimi di panico. Il mio cervello pensava troppe cose: da “ma che cavolo hai fatto?!” a “ok coraggio, il peggio è passato”. Silenzio. Al quale sono seguite lacrime da parte di tutti.

Continua a leggere

Annunci

12 ottobre: adolescenza e violenza. Il bullismo

Degli adolescenti sappiamo poco. Della sessualità adolescenziale ancora meno. Quasi nulla dell’omosessualità in adolescenza. Che d’altro canto si presenta come un soggetto complesso, perché differente appare l’omosessualità al nord o al sud del paese, in una metropoli o in un paesino di provincia, così come l’adolescenza, diversa secondo il sesso, il ceto sociale, l’ambiente culturale etc. Ogni singolo adolescente fa storia a sé. È una storia a se stante.

 

Giovedì 12 ottobre alle 19.00 Officine Arcobaleno ospiterà un dibattito sul bullismo, a partire dal libro “Adolescenza e violenza. Il bullismo omofobico come formazione alla maschilità”.

eventoBullismoeAdolescenza.png

Ne parleremo con Giuseppe Burgio, autore del libro, professore associato dell’Università Kore di Enna, Giovanna Genio, preside presso la Direzione Didattica De Amicis di Palermo, Michele Lombardo, Gruppo Giovani Arcigay Palermo e Alessandro Di Liberto.

Introduce e modera Daniela Tomasino.

Durante il dibattito sul bullismo, sarà possibile firmare per “Ero straniero”, la legge di iniziativa popolare per il superamento della Bossi-Fini, cambiando le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro.

 

3 ottobre: inaugurazione camper medico

Domani 3 ottobre alle 12.30, presso l’Edificio 19 (Polo Didattico) dell’Università, in viale delle Scienze, verrà inaugurato l’ambulatorio mobile di Arcigay: un camper attrezzato per visite mediche (ginecologiche, urologiche, etc), da utilizzare nell’ambito del progetto PrevenGo – La prevenzione viene da te. la prevenzione viene da te
Grazie al camper sarà possibile far arrivare la prevenzione delle IST (infezioni sessualmente trasmissibili) ovunque, e soprattutto tra chi più difficilmente si rivolge al servizio sanitario nazionale, come sex worker, giovanissimi, migranti irregolari. 

L’ambulatorio mobile potrà essere disposto nelle strade, fuori da una discoteca, nei luoghi di battuage, in prossimità di scuole e facoltà universitarie, nelle feste locali o dove non è presente alcun consultorio. L’obiettivo è quello abbattere le distanze tra istituzioni sanitarie e cittadini e di contrastare le stigmatizzazioni.

 

sportello-generico Grazie al camper e ai 4 sportelli attivati a Palermo, Arcigay ed i partner del progetto PrevenGo, con il contributo di Fondazione con il Sud un servizio di ascolto, di informazione e prevenzione per le persone predisposte al rischio di infezione IST: per la popolazione LGBT, sex workers (donne eterosessuali, trans, gay, migranti) e giovani nelle provincie di Palermo, Trapani, Agrigento.

Domani, presso il camper, dalle 12.00 alle 15.00 sarà possibile effettuare gratuitamente i test capillari rapidi per hiv, sifilide ed epatite C.
Si tratta di test capillari a risposta rapidi, effettuati in modo gratuito e anonimo.

WORKSHOP – PHOTOREPORTAGE DI SPETTACOLO

WORKSHOP – PHOTOREPORTAGE DI SPETTACOLO con Giuseppe Mazzola

Il fascino del palcoscenico, il carisma degli artisti, la magia del backstage: fotografare lo spettacolo per avvicinarsi allo spettacolo.

Questo workshop nasce per scoprire, approfondire e realizzare reportage fotografici di concerti e spettacoli.

corso mazzola

Approfondendo il rapporto fra palcoscenico e fotografia, fra entertainer e fotografo; discuteremo e analizzeremo il filo sensibile che lega l’immagine della finzione scenica con l’immagine del sua narrazione fotografica, l’importanza della documentazione artistica dietro l’obiettivo e sotto il palcoscenico, strutturando un racconto per immagini dell’evento d’intrattenimento. Continua a leggere

28 settembre: LUDOUT

LUDOUT – SERATA LGBTIQ NERD
Siete tutt* invitat* a trascorrere una serata di divertimento all’insegna dell’inclusività e del gioco in compagnia di altr* NERD e simpatizzanti ( ovvero nerd che non sanno ancora di esserlo!).
ludout
Tra i giochi disponibili potrete trovare:
CARCASSONNE
NOME IN CODICE
SAMURAI SWORD
SQUILLO
ZOMBICIDE

Saranno inoltre disponibili numerosi videogiochi per XBOX 360.

Per sostenere e supportare le attività dell’associazione è richiesta la tessera di Arcigay.

Settembre con Arcigay Palermo

IMG-20170909-WA0029Tra progetti, prevenzione e sensibilizzazione sulle IST (infezioni sessualmente trasmissibili), gruppo giovani, riunioni, fervono le attività all’interno di Officine Arcobaleno, la sede di Arcigay Palermo.

Ecco il programma dei giovedì di Arcigay di settembre:

🌈 Giovedì 14: a partire dalle ore 18:00 fino alle ore 21:00, sarà possibile effettuare il test HIV rapido. Ad attendervi i/le volontari/e del progetto #PrevenGo per accogliervi e fornirvi tutte le informazioni sui test e sulle IST (infezioni sessualmente trasmissibili).

🌈 Giovedì 21: proiezione del film scelto da voi, a partire dalle ore 20:45.

🌈 Giovedì 28: LUDOUT, serata LGBTIQ nerd (Giochi da tavolo, carte, gdr e videgame)

Sportello salute e accoglienza: tutti i giovedì dalle ore 16:00 alle ore 20:00.

PrevenGo: al via 4 sportelli per le IST

Aperti a Palermo gli sportelli per test Hiv e Prevenzione

È ufficialmente partita la seconda fase del progetto “PrevenGo – la Prevenzione viene da Te”: progetto pilota voluto da Arcigay Palermo che con un camper, 3mila test a risposta rapida, 250 volontari e quattro sportelli di ascolto sta raggiungendo 5mila utenti su tre province siciliane.

Questa seconda fase, che precede quella che partirà a fine luglio “on the road” a bordo del camper, vede l’apertura degli sportelli dove sarà possibile informarsi circa le Ist (infezioni sessualmente trasmissibili, come Hiv, sifilide, epatite, etc) e dove si potranno effettuare i test gratuiti a risposta rapida, secondo un calendario programmato.
logo prevenGo
Sportelli che hanno un ruolo fondamentale nell’andamento del progetto, finanziato da Fondazione con il Sud, perché sono le antenne di informazione e prevenzione per quanto riguarda le tematiche: IST (infezioni sessualmente trasmissibili), la prevenzione delle IST, la lotta allo stigma delle persone positive al virus HIV, ascoltare e sostenere le persone LGBT italiane e straniere, contribuire a combattere l’omofobia, il razzismo e la tratta legata al giro della prostituzione.

Gli sportelli sono gestiti e presidiati dai volontari formati nei mesi primaverili e dal personale medico messo a disposizione dai partner di Arcigay nel progetto: Arnas Civico – Di Cristina – Benfratelli, l’associazione Nps – Network delle Persone Sieropositive (Sezione Sicilia), l’associazione ANLAIDS (Sezione Felicia Impastato), l’associazione universitaria UniAttiva, la confederazione UDU e il Segretariato Italiano Studenti in Medicina (SISM).

19059899_785849768256108_1250486060105505374_n

Sono aperti: lo sportello in sede Arcigay Palermo, via Rosa alla Gioiamia, 2, la cui responsabile è Giuliana Pampillonia. Aperto il giovedì dalle 16 alle 20.

Due sportelli all’Università di Palermo: lo sportello dell’Auletta Uniattiva, il cui responsabile è Fabrizio Pitarresi: viale delle Scienze, edificio 12, piano terra, aperto il venerdì dalle 13.30 alle 16.30 e lo sportello dell’Auletta dell’Udu, unione degli universitari, il cui responsabile è Cristina Geraci: viale delle Scienze, Edificio 13, primo piano. Aperto il mercoledì dalle 9 alle 13.

Infine uno sportello vicino il Policlinico Paolo Giaccone, quello dell’Auletta Sism, il cui responsabile è Andrea di Lorenzo: via Gaetano Parlavecchio 3, quarto piano. Aperto il lunedì dalle 9 alle 13.

United Colors: un network per la tutela del migranti LGBTI

united colours_logoAl via  “United Colours”, un progetto che consiste nella creazione di un network europeo permanente di supporto ai migranti Lgbt. Dal 3 all’8 luglio il convento del Carmine a Ballarò, Palermo, è quartier generale di un convegno a cui stanno partecipando ventotto, tra uomini e donne, ambasciatori di organizzazioni e associazioni internazionali legate ai diritti umani e Lgbt.

A veicolare il progetto sono le realtà di Arcigay Palermo (Italy; organizzazione ospitante), Oma Tuba (Tallin, Estonia), Magyar LMBT Szövetség (Budapest, Ungheria), United Societies of Balkans Aistiki Eteireia (Tessaloniki, Grecia), Bulgarian Network for Human Rights Education  (Plovdiv, Bulgaria) e United Colours of Humanity (Artuklu, Turchia).
Al termine dei cinque giorni di lavori e tavole rotonde, un incontro, sabato 8 luglio alle 19.00 nella sede di Arcigay Palermo (via della Rosa alla Gioiamia, 2) presenterà i risultati delle attività e lancerà il Network. DSC_5365.JPG

L’obiettivo è quello di formare operatori giovanili che sono attivi nel settore della psicologia, dell’attivismo, dell’educazione e dell’associazionismo e naturalmente in ambienti vicini e paralleli all’accoglienza di migranti Lgbt e non.

Il progetto nasce dalla presa di coscienza che i migranti Lgbt sono soggetti a una doppia discriminazione e, in Europa, è diventato necessario rispondere a quel dibattito aperto che trova i suoi nodi nelle modalità di accoglienza e asilo in relazione alla migrazione.

Sarà grazie al Network permanente che la comunità europea riuscirà a consolidare quei valori di tolleranza e solidarietà che promuovono la tutela dei diritti umani.

In 85 Paesi in tutto il mondo – dichiara Ana Vasile, presidente di Arcigay Palermo – è possibile essere imprigionati, torturati, discriminati o addirittura uccisi solo perché si è omosessuali, bisessuali o trans. È per questo che l’Europa garantisce la protezione internazionale alle persone LGBT costrette a scappare dal proprio Paese. Dal 2011 Arcigay Palermo è impegnata in attività di supporto ai migranti LGBT grazie al servizio La Migration, ma occorre più collaborazione con le altre realtà europee del settore, standard internazionali condivisi e un dialogo con la Commissione Europea
E’ significativo che quest’iniziativa parta da Palermo  –  dichiarano Dòra Deak e Senem Kalafat, formatrici del progetto – città in cui il movimento sociale per l’inclusione è molto forte, e dove c’è bisogno di rafforzare le prassi attraverso il confronto con operatori di altri Paesi. Solo così capiremo se siamo davvero sulla buona strada”.

DSC_5212

I ventotto partecipanti al convegno sono stati selezionati e proposti da uno staff interno alle realtà di provenienza. Il progetto è stato finanziato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani, nell’ambito del programma Erasmus+ della Commissione Europea che ha come scopo la promozione dei valori e dei principi fondamentali dell’Unione Europea e la creazione delle società inclusive.

8 giugno: “ho molti amici gay”

ho molti amici gay
Il Palermo Pride è orgoglioso di invitarvi, in occasione de “Una marina di libri” , alla presentazione del libro Ho molti amici gay – La crociata omofoba della politica italiana
di Filippo Maria Battaglia, Ed. Bollati Boringhieri
Ne discuteranno con l’autore Davide Camarrone, Luigi Carollo e Daniela Tomasino.

L’appuntamento è per l’8 giugno alle 21.00 al Gymnsium dell’Orto Botanico.

Continua a leggere

United Colours – Creating a European support network for LGBTI migrants: call for italian participants

united colours_logo

United Colours – Creating a European support network for LGBTI migrants: Call for italian participants

3-8 July 2017 (travel days excluded) Palermo, Italy

(Erasmus Plus – KA1 -2016-3-IT03-KA105-009632)

United Colours infopack                                 Application form

The project

Since LGBTI migrants suffer multiply discrimination, and in Europe there is a heated debate about global migration, asylum and mobility policies.

This project aims to promote the European values of tolerance, solidarity, promotion of human rights. Specific objectives are:

  • Creation of a permanent, sustainable and efficient network of organizations for the LGBTI migrants support
  • Personal and professional competence development of youth workers, social workers, educators, activists with the LGBTI migrants and/or migrant communities
  • International strategy development in order to fight for the human rights of LGBTI migrants
  • Sensitization of the communities – both local and international level – of the issues faced by this target group

Continua a leggere