Cittadinanza onoraria di Palermo a Öcalan e manifestazione contro la guerra

https://scontent-frt3-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xpf1/v/t1.0-0/s526x395/12310502_524962357678185_8895828447034763889_n.jpg?oh=44db88cf244b04cdd70a71028adcff52&oe=5720F536In seguito ai sanguinosi attentati di Suruç, Ankara, Beirut e, in particolar modo, Parigi, l’attenzione mediatica si è cristallizzata su una presunta guerra di religione o tra culture diverse, offrendo così ulteriore spazio a propagande razziste capaci solo di generare altra violenza e limitazioni delle libertà individuali soprattutto a spese dei migranti.
Se risulta complicato districarsi dalle notizie quotidiane che portano con sé venti di guerra è, invece, chiara e condivisibile la posizione del Popolo curdo che già da diverso tempo si oppone con le proprie sole forze contro il fanatismo ed il fascismo dell’ISIS.


Quella curda non è solo una battaglia di sopravvivenza nell’immediato ma di speranza per il futuro nel medioriente: il contratto sociale del Rojava è un faro nell’oscurità medievale che li circonda, a pochi passi da teocrazie che impiccano, lapidano, gettano nel vuoto e sgozzano persone colpevoli di essere omosessuali, nel cuore di una regione martoriata dalle guerre, promuovono principi di uguaglianza e libertà.

Per questa ragione Arcigay Palermo aderisce alla manifestazione del 12 dicembre in solidarietà con il Popolo curdo e contro la guerra indetta dal Coordinamento Palermo solidale con il Popolo curdo e che si concluderà il 14 con il riconoscimento della cittadinanza onoraria di Palermo, da parte dell’amministrazione comunale, ad Abdullah Öcalan.

https://www.facebook.com/events/1661358337446170/

Annunci