Zucchero sintattico: “Lista di cazzate usate per convincersi che l’unica famiglia possibile è quella tradizionale”

Ieri si è tenuto a Milano il convegno per difendere la famiglia tradizionale, un evento a cui ha partecipato una quantità spropositata di scapoli, repressi, divorziati e individui con problemi di coppia.
Bisogna iniziare a parlarne rivelando un ovvio eppure sottovalutato segreto, che è il seguente: io faccio parte di una famiglia tradizionale. Io faccio parte di una meravigliosa famiglia tradizionale che sa tutto di me e mi ama anche per questo. So di cosa parlo, quindi. Non solo: la maggior parte delle persone aperte ad altri tipi di famiglia fa parte di una famiglia tradizionale. Sappiamo di cosa stiamo parlando, quindi. Mi domando se possono dire la stessa cosa i difensori della famiglia tradizionale: sapete di cosa state parlando, voi?
A questo punto credo sia necessario definire la famiglia tradizionale, perché tutti ne parlano ma nessuno sa cosa sia precisamente. Dicesi famiglia tradizionale il nucleo famigliare composto da madre, padre, auspicabilmente sposati, e un certo numero di figli e figlie. Rimangono dunque esclusi: i divorziati, i separati, le coppie omosessuali, gli orfani, i vedovi, gli scapoli e le zitelle.
Se siete divorziati, separati, omosessuali, orfani, vedovi, scapoli o zitelle e partecipate al convegno della famiglia tradizionale, dunque, o lo fate per il buffet finale (ragione per cui potreste anche avere la mia comprensione) oppure non avete capito.
 Ma torniamo ai difensori della famiglia tradizionale. Posto che sappiate di cosa state parlando -cosa di cui non posso non dubitare- vorrei svelarvi un altro ovvio eppure sottovalutato segreto: noi non siamo contro la famiglia tradizionale. Non vogliamo distruggere la famiglia tradizionale. Non verremo ai vostri matrimoni a sostituirvi il riso coi petardi o sfasciarvi le vostre torte nuziali a colpi d’ascia. Non ci introfuleremo nei vostri letti per rovinarvi le nozze (mi risulta che siate bravissimi da soli, in quello).
Annunci