20 dicembre: si conclude “Il genere, luogo precario”

Si avvia alla conclusione “Il Genere, luogo precario“, la manifestazione organizzata da Arcigay Palermo nell’ambito del progetto DJ a palazzo Branciforte sull’identità di genere, che porta Palermo al centro del dibattito nazionale sul genere e sulle discriminazioni su di esso basate.
VIEL-locandina-20-dicembre
Dall’identità di genere all’intersessualità, dalle politiche italiane di contrasto ad omofobia e discriminazioni basate sull’identità di genere: sono previsti confronti con ospiti come l’artista concettuale Cesare Viel, l’attivista intersessuale tedesca Lucie Veith che ha portato la Germania al riconoscimento del terzo sesso, il sottosegretario Davide Faraone, l’on.Giovanna Martelli, Michele Formisano, segretario di Nps Italia Onlus e presidente di Tgenus, Paolo Patanè, coordinatore del Palermo Pride, Giovanni Puglisi, presidente Fondazione Sicilia e l’avvocato Antonio Rotelli di Rete Lenford.

SABATO 20 DICEMBRE – PROGRAMMA 

palazzo Branciforte, via bara all’Olivella, 2

Ore 10.00: Convegno: “Intersessualità e politiche di contrasto ad omofobia e transfobia”

 

Saluti e inizio lavori

  • Prof. Giovanni Puglisi, Presidente Fondazione Sicilia
  • Mirko Pace, Presidente di Arcigay Palermo
  • Modera: Paolo Patanè, Coordinatore del Comitato Palermo Pride

Interventi di:

  • Lucie Veith, Intersexuelle Menschen e.V. (Amburgo)
  • Antonio Rotelli, Rete Lenford
  • Michele Formisano, Nps Italia
  • Marco Buemi, UNAR
  • On. Davide Faraone, Sottosegretario di Stato all’Istruzione
  • On. Giovanna Martelli, Consigliera del Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di Pari Opportunità

Ore 13.00 – Pranzo

Ore 15.00 – Focus sull’intersessualità con Lucie Veith, Intersexuelle Menschen e.V. (Amburgo)

Ore 18.30: Spazio Monte Santa Rosalia (palazzo Branciforte)
Perfomance di Cesare Viel, “Virginia ai panni vecchi”.

L’artista travestito da Virginia Woolf ascolta una registrazione audio della lettura di parti del capitolo “Il tempo passa” dal romanzo “Al Faro” di Virginia Woolf. Un’immagine sdoppiata e assurda, un’immagine che ricorda la tensione del film di Roman Polanski “L’inquilino del terzo piano”. Diventare la scrittrice inglese che per prima nel Novecento ha affrontato il tema dell’androginia, farsi possedere dalla sua immagine, cercare di intrecciare con lei un dialogo silenzioso.

L’artista riadatterà la celebre e storica performance all’interno del suggestivo spazio del Monte Santa Rosalia di Palazzo Branciforte.

Note per il pubblico: la performance durerà circa 1 ora, sono previste 3 sessioni di 20 minuti per un massimo di 30 persone a sessione.


Per le perfomance di Cesare Viel si ringrazia:
Fondazione Sicilia
Civita Sicilia
Pinksummer / Genova
Fondazione Teatro Massimo
Francesco Paolo Catalano