“Il genere, luogo precario”: 3 giorni di eventi a Palermo

Dal 17 al 20 dicembre, “Il genere, luogo precario“: per la prima volta a Palermo, 3 giorni di incontri, eventi e dibattiti per riflettere sul tema dell’identità di genere e sui gender studies, nella prestigiosa sede di Palazzo Branciforte.

Una manifestazione straordinaria organizzata da Arcigay Palermo che coinvolge arte, letteratura, politica, sociologia. Dall’identità di genere all’intersessualità, dalle politiche italiane di contrasto ad omofobia e discriminazioni basate sull’identità di genere: ne parleremo con ospiti come l’artista concettuale Cesare Viel, l’attivista intersessuale tedesca Lucie Veith, il sottosegretario Davide Faraone, l’on.Giovanna Martelli, Michele Formisano, segretario di Nps Italia Onlus e presidente di Tgenus, Giulia de Spuches dell’Università di Palermo, Federico Zappino, dell’Università di Sassari, Paolo Patanè, coordinatore del Palermo Pride, Paola Nicita, storica dell’arte, Giovanni Puglisi, presidente Fondazione Sicilia e l’avvocato Antonio Rotelli.

Il genere, luogo precario (titolo del saggio introduttivo a “Fare e disfare il genere”, a curVIEL-locandina-20-dicembrea di Federico Zappino) è una manifestazione realizzata nell’ambito del progetto DJ, che si svolgerà nella prestigiosa sede di Palazzo Branciforte, uno storico palazzo della fine del XVI secolo, restaurato da Gae Aulenti, sede della Fondazione Sicilia.

 

Obiettivo della manifestazione è quello di indagare quei processi che costruiscono un percorso verso il superamento della semplice categorizzazione dicotomica Maschile/Femminile, aprendo ad una possibilità di intendere il proprio corpo, così come la propria identità, in termini relazionali e non più solamente normativi.


Apriremo la manifestazione il 17 dicembre proprio con la presentazione dell’edizione italiana del saggio di Judith Butler “Fare e disfare il genere” a cura di Federico Zappino (ed. Mimesis, Novembre 2014), ideale cornice delle tre giornate, per proseguire, il 19 dicembre, con un talk con Cesare Viel, artista neoconcettuale che ha messo la riflessione sull’identità di genere al centro della sua poetica, intervistato da Paola Nicita, storica dell’arte e curatrice; una performance dello stesso Viel nello Spazio Monte Santa Rosalia di palazzo Branciforte, luogo suggestivo e poco conosciuto chiuderà l’ultima giornata della manifestazione.

Sabato 20 dicembre ospiteremo un convegno su “Intersessualità e politiche di contrasto ad omofobia e transfobia” in cui i rappresentanti delle associazioni nazionali si confronteranno con il Governo rappresentato dall’On. Davide Faraone, Sottosegretario all’Istruzione e dall’On. Giovanna Martelli, Consigliera del Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di Pari Opportunità. Per chiudere con un seminario sull’intersessualità a cura di Lucie Veith, l’attivista che ha portato la Germania al riconoscimento ufficiale del terzo sesso.

Clicca qui per consultare il programma completo