5 Miti sull’omosessualità smontati dalla scienza

Mito: L’omosessualità è innaturale.

Realtà: In natura, l’omosessualità è molto più comune di quanto pensiamo. La scienza ha dimostrato che è una prassi frequente e molto essenziale nella vita di oltre 1500 specie animali. (www.foxnews.com/story/2008/05/19/homosexuality-common-in-wild-scientists-say/).
Sono stati anche osservati degli animali omosessuali che decidono di formare coppie permanenti omosessuali (www.repubblica.it/2006/12/gallerie/ambiente/pinguini-gay/1.html).
Janet Mann, biologo presso la Georgetown University, spiega che non tutti gli atti sessuali hanno funzioni riproduttive. Per fortuna.

Mito: Le relazioni omosessuali non sono durature.

Realtà: Una serie di studi a lungo termine sviluppati da John Gottman (uno dei 10 terapeuti statunitensi più influenti e professore alla Washington Universad), ha rilevato che l’80% delle coppie omosessuali ha una relazione che dura da più di 12 anni .
Un altro dato interessante è il tasso di separazioni proiettato a 40 anni. Inferiore rispetto alle coppie eterosessuali, nello stesso arco di tempo (www.gottman.com/research/published-research-abstracts-articles/gay-lesbian-research/).

Mito: I pedofili sono perlopiù omosessuali.

Realtà: L’abuso sessuale verso i minori è praticato da uomini e donne di diverse preferenze sessuali. Nel 1989, il sessuologo ceco-canadese Kurt Freund, intraprese uno studio per ottenere alcune risposte…

<

p style=”text-align:right;”>Leggi il resto cliccando qui

Annunci