7 e 16 giugno: “Le Cirque de Sociètè” – Spettacolo Teatrale Giovani Arcigay Palermo

Le Cirque de sociètè, uno spettacolo del gruppo teatro di Arcigay Palermo. Il 7 giugno alle 21.00 al teatro Crystal (via mater Dolorosa 64/a).

Lo spettacolo verrà replicato il 16 giugno alle 18.30 al Pride village, nella sala Perriera dei cantieri Culturali alla Zisa.

Il progetto nasce dalla richiesta di un gruppo eterogeneo di giovani che, avendo alle spalle un’esperienza gratificante in ambito teatrale, ha scelto di rivivere ed estendere l’esperienza teatrale come esperienza di vita. Il progetto nasce sulla base di un forte impegno, di un grande entusiasmo e di un’assoluta libertà espressiva, si configura infatti come una realizzazione autonoma, scritta, diretta, musicata, cantata e ballata dagli stessi membri del gruppo.
Il teatro non è solo un mezzo di espressione, ma anche di comunicazione, è uno scambio tra attori e vite diverse, tra personaggi e pubblico, tra palco e vita reale e può essere portatore di significati assimilabili attraverso la percezione e l’empatia, attraverso il riconoscimento dello spettatore nelle situazioni proposte. In una società in cui l’emozione è sempre più biasimata e in cui la diversità non è più vista come il valore che ci rende unici, l’intento prefissato è quello di dare spazio all’unicità del singolo e all’emozione di un’esperienza personale e di gruppo.

 

Trama

Lo spettacolo si apre con una spumeggiante scena di circo: ballerini, prestigiatori e comici di vario genere, entusiasmano un pubblico che non riesce e non può vedere oltre quella sfolgorante apparenza che, però, lascia in bocca, sin da subito, un retrogusto amaro.
La compagnia circense “Cirque de Société”, guidata e dominata dalla subdola figura di Aldous Société, capocirco e specchio della società attuale, mette in scena una necessaria ipocrisia. Ognuno recita un ruolo, in un continuo metateatro che offre allo spettatore squarci di vita di ogni personaggio. La diversità domina la scena e, nonostante la pressione esercitata dal capocirco, esiste uno spazio in cui essa è il collante per una famiglia fuori dall’ordinario: da Amelie, una ragazza transessuale dalla splendida voce; a Tahira, la ballerina di mezza età che fa da mamma ai più deboli; a Bart e Bartolo, stravagante coppia di pagliaccio e mimo; al Mago Hershel, un osservatore acuto e innamorato; a Niral, una ragazza indonesiana costretta a domare i cuccioli di tigre che erano stati la sua famiglia; a Audrey, ragazza affascinante e intelligente, che svende la propria essenza in cambio delle attenzioni di Aldous e infine a Nouvelle, la giovane figlia del capocirco, che mostra il suo valore, nonostante ai più appaia invisibile.
La rivoluzione interiore di ogni personaggio, porta infine ad un cambiamento radicale delle sorti del circo e della società che rappresenta.
A fare da voce narrante c’è la cantante Valentina, accompagnata da una piccola orchestra, da acrobati, da giocolieri e da due incantevoli ballerini.

 

Progetto

Il Gruppo Teatrale Arcigay propone uno spettacolo innovativo che racchiude ed unisce arte, scrittura, danza, musica e qualsiasi altro tipo di creatività.
L’opera, di nostra creazione, mira a diffondere un messaggio di uguaglianza, una cultura della diversità vista come fonte di arricchimento, attraverso una scena circense che diviene metafora della società e della vita stessa. Il teatro sarà per ognuno fonte di crescita, scoperta di sé e degli altri, valorizzazione delle capacità personali e possibilità di creare legami fondati sul rispetto e sullo spirito di squadra.
Tanto lo spettacolo, quanto la sua realizzazione daranno modo ad ogni teatrante, musicista, costumista, scenografo, ballerino, truccatore o spettatore di contribuire al cambiamento sociale che tutte e tutti auspichiamo. Il progetto mira a combattere i pregiudizi transfobici, maschilisti e razzisti in ogni forma.