Prevenzione delle MsT tra prostitute: il nuovo servizio di Arcigay Palermo

Ieri notte, come volontarie e volontari di Arcigay Palermo e del servizio per migranti LGBT  “La Migration“, abbiamo fatto un lunghissimo giro a piedi per incontrare, conoscere e farci conoscere, parlare, distribuire profilattici e materiale informativo sulla prevenzione dalle malattie sessualmente trasmissibili, alle transessuali e alle ragazze che si prostituiscono e/o che sono costrette alla prostituzione.
Esperienza bellissima e pesante contemporaneamente.
Tante donne ma anche tante ragazzine che dicono di essere maggiorenni ma che mostrano appena 15 o 16 anni.
Tutte però sono state accoglienti e serene nel rapportarsi con noi volontari.
Ieri si è passati dai momenti duri vissuti con le ragazzine romene e nigeriane ai momenti divertenti come solo le ragazze transessuali riescono a regalare: una all’inizio ci ha preso per testimoni di Geova iniziando con un “Non sono interessata”, poi si è tranquillizzata sapendo che non eravamo neppure cattolici e ha iniziato una bella discussione; un’altra ha accettano volentieri i profilattici dicendo “Amooore, ma secondo te a 23 anni mi voglio piggliare l’AIDS? Io li uso sempre!”; un’altra ancora ci ha fatto una lezione sulle infezioni dei suoi clienti e sulle creste di gallo (una cosa tremenda) e ci ha chiesto della consulenza legale e psicologica che leggeva nel volantino; ma la più comica è stata una ragazza transessuale che ci ha detto ridendo: “Ragààà, vi prometto che se questi profilattici mi portano bene, domani vado a fare una donazione ad Arcigay!”
Grazie a tutte le volontarie e i volontari che ieri notte mi hanno coinvolto in questa operazione di conoscenza, informazione e crescita, dagli aspetti così controversi.

Lorenzo Canale, segretario di Arcigay Palermo

Annunci