jump to navigation

Amministrative 2012: Antonella Monastra martedì 10 aprile 2012

Posted by arcigaydani in Generali.
Tags: ,
trackback

Arrivo nel 2001 al Consiglio Comunale di Palermo, come indipendente nel Partito della Rifondazione Comunista, lavorando da subito nelle sedi istituzionali per garantire l’accesso ai diritti  per le fasce più svantaggiate di cittadini.

Rieletta al consiglio comunale nel maggio 2007 nella lista Rifondazione Comunista-Sinistra Europea, mi sono battuta all’opposizione per la pace, la qualità di vita e dei servizi, la sostenibilità ambientale e i beni comuni come l’acqua (sono socia fondatrice di Liberacqua), la finanza etica (nell’ ottobre 2011 ho inserito un emendamento cruciale riguardante la tesoreria comunale, secondo cui le banche che gestiranno il servizio dovranno assumere l’impegno di non effettuare transazioni bancarie relative ad armamenti e non finanziare Stati che prevedono la pena di morte e non abbiano rispetto dei fondamentali diritti umani; dovranno assicurare anche di non finanziare attività che comportino lo sfruttamento dei minori o danni all’ambiente e altro ancora), le politiche di genere e le pari opportunità, riservando grande attenzione ai diritti dei soggetti con diverso orientamento sessuale e collaborando costantemente con il movimento GLBTQ. 

Palermo è stata la prima grande città italiana a dotarsi di una risoluzione “per l’analisi dei fenomeni di discriminazione e violenza contro le persone LGBT”, con la mozione antiomofobia approvata a dicembre del 2010 anche grazie al mio impegno; alla fine del 2011 è stato approvato il registro delle unioni civili del Comune di Palermo, con emendamenti da me proposti che ne disciplinano l’iscrizione. Alla fine del 2005 sono stata promotrice ed animatrice, con altre donne, del comitato cittadino in difesa della legge 194/78 sull’interruzione volontaria di gravidanza, pubblicando, insieme ad altri autori, un libro bianco sull’applicazione della legge 194/78 e sui Consultori Familiari.

Da sempre sono stata impegnata nella battaglia contro la violenza sulle donne, anche  sulle  migranti:  fenomeno ancora più sommerso di quello sulle donne italiane, che comunque hanno cominciato a denunciare malgrado la difficoltà attuale dei centri antiviolenza e dei servizi dedicati, sempre più a corto di fondi. Sin dal 2002 sono stata sostenitrice del “Comitato per la casa 12 Luglio” affiancandone le azioni di lotta, e coniugandole con una
intensa attività istituzionale e di proposta politica per il superamento dell’emergenza abitativa anche attraverso l’assegnazione di immobili confiscati ai mafiosi.

Ritengo di fondamentale importanza la presenza delle donne nei luoghi decisionali, tanto da averla messa al primo punto del documento sottoscritto da me e Fabrizio Ferrandelli in una prospettiva futura di governo della città. Per me è prioritario che le politiche comunali siano volte verso l’uguaglianza tra uomini e donne e contro le discriminazioni basate sull’orientamento  sessuale.

E’ determinante coinvolgere anche gli stranieri nelle decisioni politiche della città. Per questo mi impegnerò per attuare le misure necessarie affinché, per  referendum e altre consultazioni comunali, il diritto alla partecipazione degli stranieri sia garantito , insieme alla cittadinanza di suolo, intendendo la nascita nel territorio dello Stato come mezzo per acquisire la cittadinanza. Per me è cittadino non solo chi nasce, ma anche chi vive in quel territorio a prescindere dalla provenienza. Mi assumo infine l’impegno politico di insistere affinché in Parlamento venga rapidamente approvata la legge che riconosce agli stranieri  il diritto di voto amministrativo.

About these ads

Commenti

1. Arcigay Palermo e le elezioni amministrative 2012 « Arcigay Palermo - martedì 10 aprile 2012

[...] AntonellaMonastra, candidata al consiglio comunale Diffondi:StampaEmailMoreLike this:LikeBe the first to like this post. [...]

2. Antonella Monastra - giovedì 12 aprile 2012

Vorre anche precisare che: intendo proseguire la mia collaborazione con il movimento GLBTQ con l’istituzione di un tavolo tecnico interistituzionale con le associzioni Glbtq, come già ribadito in più occasioni,con funzioni di proposta, osservazione ed al fine di mettere a punto strumenti giuridici adeguati; nonchè promuovere e finanziare le iniziative più importanti quali il Pride, ricordando la candidatura ufficiale di Palermo per il Pride 2013, ed il Sicilia Queer Film Festival, con cui collaboro sin dalla sua prima edizione.
Grazie!Antonella Monastra


Sorry comments are closed for this entry

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 13.594 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: