Referendum per la legge elettorale

Arcigay Palermo sostiene la raccolta di firme per il referendum per l’abolizione della legge elettorale. L’obiettivo è quello di raggiungere 500 mila sottoscrizioni entro il 30 settembre.

Il comitato referendario per i collegi uninominali l’11 luglio 2011 ha presentato in Corte di Cassazione due richieste di referendum abrogativo, aventi ad oggetto la disciplina vigente per l’elezione dei due rami del Parlamento.
In breve i quesiti tendono ad abrogare la “legge Calderoli”, dal nome del Ministro proponente, conosciuta universalmente col nome di “porcellum” o di “legge porcata”, come la definì lo stesso Roberto Calderoli poco dopo l’approvazione parlamentare.
Con la legge attualmente in vigore, infatti, sono le segreterie di partito che decidono chi potrà essere eletto e chi no, e pertanto è alle segreterie, o al “leader” che va la fedeltà dei candidati e degli eletti, che pertanto sono svincolati dal rapporto con il territorio.
Inoltre, con la legge attuale, è praticamente impossibile che un candidato scomodo o controcorrente venga messo in condizione di essere eletto. Questa legge, naturalmente, colpisce in particolare gay, lesbiche, trans e donne.

Sarà possibile firmare per i quesiti durante la manifestazione del 6 settembre (in piazza verdi dalle 9 alle 13). Vi aggiorneremo per gli altri appuntamenti.

Per approfondimenti: scheda tecnica sui referendum